TESI DI LAUREA - 2005


Anno: 2005

Tesista: Stefania Bruno

Titolo: Analisi previsionale dell'inquinamento acustico in ambito aeroportuale: il caso dell'aeroporto di Fontanarossa (Catania)

Sommario: Il continuo sviluppo del traffico aereo evidenzia in maniera sempre più pressante le questioni legate all'inquinamento acustico dei centri abitati prossimi alle infrastrutture aeroportuali.
Nella presente dissertazione, l'allieva ha elaborato una procedura per la zonizzazione acustica del sedime aeroportuale. In tale contesto è stata condotta un'articolata indagine sperimentale presso l'aeroporto di Fontanarossa (Catania). Tramite l'acquisizione e l'elaborazione dei dati di rumore a mezzo di un sistema fonometrico di recente installazione, si è pervenuti all'impostazione di un algoritmo matematico in grado di consentire sia lo studio della situazione attuale sia le previsioni associate alle future configurazioni (per effetto dei piani di sviluppo che stanno già evolvendosi presso l'aeroporto catanese). Con l'applicazione dell'algoritmo elaborato, è stato possibile, infine, fornire indicazioni sulle modalità di intervento finalizzate alla protezione acustica del territorio circostante il sedime aeroportuale.


__________________________________

Tesista: Paola Camarda

Titolo: Sicurezza in campo aeroportuale: Proposta di una procedura per la programmazione delle misure di aderenza sulle piste di volo

Sommario: Nell'ambito della sicurezza delle attività aeroportuali, riveste notevole importanza l'aderenza superficiale delle piste, sia in condizioni di asciutto che di bagnato (nonché di neve e di ghiaccio), ed in relazione alle cosiddette procedure "a terra" (corse di atterraggio e di decollo).
Con la presente tesi si è proceduto in primo luogo con l'analisi delle normative nazionali ed internazionali (ICAO, FAA) relative alle metodologie ed agli strumenti per la misura dell'aderenza delle piste aeroportuali. Si è anche proceduto con l'analisi critica degli indicatori di aderenza, entrando nel merito della necessità di una standardizzazione a livello internazionale.
In accordo con le indicazioni del Manuale dell'Aeroporto, contenente le procedure in merito a tutte le attività aeroportuali, si sono realizzati gli indirizzi programmatici per la procedura di misurazione dell'aderenza. La procedura medesima è stata tarata ed applicata presso l'aeroporto di Fontanarossa (CT).

__________________________________

Tesista: Carola Chiarenza

Titolo: Proposta di criteri per la valutazione dell'efficacia in termini di sicurezza delle misure di gestione del traffico

Sommario: La sicurezza offerta dagli elementi componenti una rete viaria urbana, oltre che dalle caratteristiche geometriche, è fortemente condizionata dagli strumenti di gestione (segnaletica, illuminazione, strumenti di controllo del traffico, ecc.).
Nella presente tesi, l'allieva ha condotto un'approfondita analisi del ruolo, in termini di sicurezza, di una serie di misure associate alla gestione della viabilità. Ciascuna di tali misure è stata studiata in relazione alla riduzione degli incidenti che si manifesta in loro presenza. Si è così elaborata una serie di indicatori per la valutazione del livello di sicurezza offerto dagli interventi analizzati. Accanto agli "indicatori di sicurezza", si sono anche definiti i "parametri finanziari" direttamente connessi ai costi degli interventi.
L'applicazione ad una porzione di rete urbana della città di Catania ha consentito, infine, di valutare il rapporto costi/benefici associato alle diverse contromisure ipotizzate per la riqualificazione delle infrastrutture studiate.

__________________________________

Tesista: Mariagrazia Crinò

Titolo: Mobility management e piani di spostamento casa-lavoro: il caso della Cittadella universitaria di Catania

Sommario: Nella presente dissertazione, si affronta il tema del Mobility Management, inteso come un approccio orientato alla gestione della domanda di mobilità basato su concetti e strategie volti ad assicurare la mobilità delle persone e il trasporto delle merci in modo efficiente con riguardo a scopi sociali ed ambientali. Si pone particolare attenzione alla redazione del Piano di Spostamenti Casa-Lavoro che consiste nello sviluppo, nell'implementazione e nel controllo di un insieme ottimale di misure per la riorganizzazione degli spostamenti casa-lavoro del personale dipendente.
In particolare, vengono affrontate le problematiche di mobilità della Cittadella universitaria di Catania; attraverso la stesura di un questionario appositamente realizzato e la sua distribuzione al personale sono state indagate la domanda di mobilità e la disponibilità verso l'utilizzo di modalità di trasporto alternative, che sono state alla base dell'elaborazione di proposte d'intervento relative allo specifico contesto.

__________________________________

Tesista: Lauragrazia Daidone

Titolo: Gestione della sicurezza in campo aeroportuale: pianificazione degli interventi di rimozione FOD e contaminanti nell'area di movimento

Sommario: Il rischio di incidente per i pedoni è legato principalmente alla promiscuità delle varie componenti di traffico; fra queste, i pedoni, più lenti e meno protetti fisicamente, sono quelli più vulnerabili.
Nella presente tesi, l'allievo, tramite un software di calcolo (PC-CRASH), ha eseguito una serie di elaborazioni, dalle quali ha ottenuto i seguenti output: dinamica dell'urto associata a velocità e a tipi di veicolo differenti, relazione tra velocità d'urto ed accelerazioni subite dal pedone nelle parti vitali (testa, collo, torace).
È stato possibile dedurre dei modelli teorici per valutare le velocità d'urto corrispondenti agli spostamenti dei pedoni dopo l'urto e, viceversa, per calcolare gli spostamenti in funzione della velocità d'impatto. Inoltre, si sono correlate le accelerazioni subite dal pedone con la probabilità di danni irreversibili.
Sono stati esposti, infine, gli interventi infrastrutturali per ridurre la velocità dei flussi veicolari e per proteggere i pedoni durante l'attraversamento.

__________________________________

Tesista: Maria Paola Di Natale

Titolo: Verifica sperimentale dell'efficacia degli interventi di traffic calming in ambito urbano

Sommario: Lo studio di tre tipologie di interventi di "traffic calming" realizzati nella città di Catania (mini-rotatorie, isole circolari, dossi stradali) sta alla base dell'indagine sperimentale illustrata nella presente tesi.
È stata organizzata una campagna di rilievi di velocità, seguita dalla fase di elaborazione dei dati con metodi statistici. Si può affermare che un uso diffuso degli interventi di moderazione della velocità determinerebbe un effettivo miglioramento delle condizioni di sicurezza per tutte le categorie di utenti (con particolare riferimento alle cosiddette utenze deboli). In effetti, si è evidenziato come la velocità dell' 85esimo percentile sia influenzata dalla presenza degli interventi di moderazione del traffico. L'efficacia e l'utilità di tali interventi sono evidenziati dalla constatazione che la loro realizzazione influisce sul cambiamento della condotta di guida degli automobilisti inducendoli ad una maggiore prudenza e, conseguentemente, ad una diminuzione della velocità operativa.

__________________________________

Tesista: Filippo Giunta

Titolo: Sicurezza delle opere infrastrutturali e di arredo stradale: proposta di una procedura per la scelta degli interventi

Sommario: Una rete stradale urbana offre un livello di sicurezza agli utenti, fortemente condizionato dalle opere infrastrutturali e dagli elementi di arredo della rete medesima (geometria del tracciato, conformazione delle intersezioni, caratteristiche della sezione trasversale, ecc.).
Con la presente dissertazione, l'allievo ha condotto un'accurata analisi del ruolo, in termini di riduzione dell'incidentalità, di una serie di misure riconducibili agli elementi infrastrutturali e di arredo funzionale delle reti viarie. Si è così pervenuti alla definizione di alcuni indicatori per la valutazione del livello di sicurezza offerto dagli interventi presi in esame. Si sono anche definiti i "parametri finanziari" direttamente connessi ai costi degli interventi.
Tramite l'applicazione della metodologia elaborata ad una porzione di rete urbana della città di Catania si è valutato, infine, il rapporto costi/benefici per le diverse contromisure ipotizzate ai fini della riqualificazione delle infrastrutture analizzate.

__________________________________

Tesista: Laura La Rosa

Titolo: Mobility management e piano di spostamento casa-lavoro: il caso della sede universitaria di Piazza Università di Catania

Sommario: I contesti urbani sono testimoni di gravi problemi in materia di trasporti determinati, in particolar modo, da un uso sconsiderato del mezzo privato. In tale contesto, si inquadrano gli strumenti normativi ed attuativi tra i quali va ad inserirsi il Mobility Management, aventi come fine la gestione della domanda di mobilità. In questo quadro si inserisce il Piano di Spostamento Casa-Lavoro che permette di analizzare le modalità di spostamento dei dipendenti.
L'obiettivo che ci si è proposti di raggiungere nella presente tesi è quello di realizzare un PSCL relativo alla sede universitaria di Piazza Università. A tal fine si è costituito un questionario che ha consentito di valutare le abitudini di spostamento dei dipendenti e la disponibilità verso modalità di trasporto differenti dall'uso del mezzo privato. A partire da questi studi ci si è cimentati nell'elaborazione di alcuni interventi da implementare per ridurre le problematiche presenti e per formulare il PSCL del personale dipendente.

__________________________________

Tesista: Gabriele Leggio

Titolo: Le intersezioni a rotatoria come elemento di riqualificazione funzionale dei nodi stradali extraurbani

Sommario: Il presente elaborato è basato sullo studio di una serie di rotatorie presenti nel contesto extraurbano della Provincia di Ragusa.
In particolare, l'allievo ha evidenziato gli aspetti peculiari delle rotatorie, soffermandosi sulle differenze tra lo stato delle intersezioni prima e dopo l'inserimento delle stesse.
L'obiettivo primario è quello di dimostrare come un cambiamento della geometria, comporti un notevole miglioramento della funzionalità globale. Tale miglioramento è duplice: 1) maggiore efficacia della conformazione geometrica (aumento dello spazio per le manovre, incremento della capacità dei rami, ecc.); 2) maggiore sicurezza (miglioramento della visibilità, riduzione delle velocità di approccio, ecc.).
Accanto all'esposizione dei risultati di indagini sperimentali (rilievi dei flussi veicolari, caratterizzazione geometrica, individuazione delle difettosità progettuali) è stata eseguita una trattazione ragionata sulle cause di incidentalità associate alle configurazioni ante e post operam.

__________________________________

Tesista: Giulio Mastrosimone

Titolo: L'utilizzo della fuzzy logic come approccio per l'analisi di sicurezza delle rotatorie presenti in ambito urbano

Sommario: L'allievo, nella seguente tesi, si prefigge di analizzare i vantaggi in termini di sicurezza, offerti dalle rotatorie presenti nei contesti urbani. Nello specifico, il lavoro di analisi è stato svolto in due contesti urbani differenti, nei quali sono stati analizzati i dati incidentali dei nodi in cui vige la circolazione rotatoria. Dopo un'attenta analisi della dinamica incidentale degli eventi succedutisi in alcuni incroci appartenenti alla città di Caltanissetta, il lavoro è proseguito con lo studio della correlazione tra i parametri geometrici e l'indice di sicurezza delle rotatorie, facendo uso dei metodi propri della "fuzzy logic". Lo scopo è quello di valutare il miglior compromesso tra parametri geometrici e sicurezza della circolazione rotatoria, con l'ausilio del modello matematico. Infine sono state valutate anche le potenzialità del modello stesso, grazie ad un'ulteriore taratura eseguita mettendo in conto parametri di riferimento analogamente dedotti dal contesto urbano della città di Palermo.

__________________________________

Tesista: Giorgio Olivieri

Titolo: Il comportamento degli utenti anziani come elemento condizionante i criteri di progettazione stradali. Verifica sperimentale sulle intersezioni regolate dal segnale di stop

Sommario: Con il presente elaborato, è stata analizzata la tematica relativa alla richiesta di visibilità nelle intersezioni regolate dal segnale di STOP, da parte degli automobilisti anziani. È proprio questa categoria di utenza ad avere maggiori difficoltà di guida. Scopo dell'indagine è stato quello di valutare il valore dell'intervallo critico di accettazione, per ogni tipologia di manovra, necessario a tale categoria di utenza.
I valori dell'intervallo critico trovati concordano, per le diverse manovre, con quelli consigliati e adottati dal Report 383; solo per la manovra di svolta a sinistra e attraversamento, tali valori concordano con quelli adottati dal Green Book 2001. Valori più bassi di tale intervallo sono presenti nell'HCM.
Ciò permette di comprendere, come esista un problema reale, da parte degli utenti anziani, nell'affrontare le aree di intersezione; la stessa Normativa Italiana è poco adeguata, dal punto di vista della sicurezza, alle esigenze di tale categoria di automobilisti.

__________________________________

Tesista: Giuseppa Pesce

Titolo: Percezione e leggibilità dell'ambiente stradale

Sommario: Un'analisi sistematica del rapporto tra l'uomo, il veicolo e l'ambiente ha condotto ad una riflessione sulla leggibilità della strada e dei suoi dintorni. La strada ed il paesaggio aiutano il guidatore nella condotta di guida. Poiché il comportamento del guidatore è direttamente collegato alla percezione dell'itinerario, è essenziale, per migliorare la sicurezza stradale, rendere la strada più "leggibile".
Con la presente dissertazione si è analizzata una serie di tronchi stradali extraurbani aventi in comune la stessa tipologia di "cattiva leggibilità"; il paesaggio induce cioè a credere che la strada prosegua in rettilineo mentre nella realtà si ha la presenza di elementi curvilinei. Questo fa sì che il guidatore si accorga in ritardo della curva ed è quindi costretto a manovre azzardate per evitare di uscire fuori dalla carreggiata con il rischio di eventuali incidenti.
Per i vari casi analizzati sono state proposte possibili soluzioni al problema della cattiva leggibilità.

__________________________________

Tesista: Antonio Ragazzi

Titolo: Impatto dei grandi centri commerciali sulla viabilità e sulle infrastrutture stradali

Sommario: Nella presente dissertazione si è cercato di valutare come la nascita di un grande centro commerciale, possa integrare correttamente la sua struttura con tutto il sistema infrastrutturale viario della zona limitrofa.
Dopo aver analizzato la Normativa del settore, si è organizzata una campagna di rilievi mirata all'acquisizione dei dati necessari alla formulazione di una metodologia razionale per lo studio dell'impatto sulla viabilità da parte dei grossi centri commerciali. Gli ipermercati oggetto di indagine sono stati quelli ubicati in tre diverse aree (Le Zagare, Auchan di S.G. La Rena, Auchan di Misterbianco).
A conclusione della tesi, si è elaborata una procedura in grado di prevedere, con notevole precisione, il movimento dei veicoli in prossimità di qualsiasi centro commerciale, una volta che questo venga realizzato.

__________________________________

Tesista: Vincenzo Saitta

Titolo: Verifica sperimentale delle corsie specializzate presenti nelle intersezioni a raso. Proposta di nuovi criteri di dimensionamento
Sommario: Mediante la presente dissertazione, si sono voluti dapprima confrontare i criteri di progetto delle intersezioni a raso proposti dalle normative italiana, francese ed inglese per poi ipotizzare un criterio di dimensionamento della corsia centrale di accumulo per la svolta a sinistra che fosse funzione dei due parametri seguenti: il tempo medio di attesa in coda e la lunghezza della coda.
In tale contesto, sono state prese in esame tre intersezioni esistenti, tutte ubicate sulla S.S. 114 e ricadenti nel comune di Acireale. Dopo aver effettuato un rilievo geometrico e dei flussi presenti in tre fasce orarie, si è proceduto con la verifica delle caratteristiche dimensionali delle intersezioni analizzate secondo le tre normative sopra citate.
Con particolare riferimento alla manovra di svolta a sinistra, per ogni intersezione e per ogni fascia oraria, attraverso l'analisi delle code, si sono dedotti i tempi medi di attesa in coda e le lunghezze dei tratti di accumulo coerenti con le reali condizioni di deflusso.

__________________________________

Tesista: Fabio Salemi

Titolo: Tecniche moderne per la diagnostica ferroviaria

Sommario: L'obiettivo principale della presente dissertazione è stato quello di studiare in dettaglio i moderni strumenti per la diagnostica ferroviaria.
A tal fine, sono state preliminarmente analizzate le questioni associate allo stato di "salute" del binario nonché le problematiche inerenti alla manutenzione. È stata poi svolta una trattazione delle moderne metodologie per la diagnostica ferroviaria rivolgendo l'attenzione agli aspetti connessi alla sicurezza e all'efficienza delle modalità di trasporto a guida vincolata.
Dal presente studio si è potuto evincere come la diagnostica si debba necessariamente considerare come la fase preliminare a quella di manutenzione vera e propria.
In tale contesto, uno strumento importante è il treno diagnostico "Archimede", tramite il quale è possibile spingersi ad un livello conoscitivo talmente spinto da far supporre che, entro breve tempo, il sistema ferroviario italiano possa pervenire ad un elevato grado di competitività sia a livello europeo che mondiale.

__________________________________

Tesista: Valentina Schilirò

Titolo: Analisi sistematica degli incidenti associati alle operazioni aeroportuali ed applicazione di strumenti e tecniche di Risk Management per l'individuazione delle cause

Sommario: Il Risk Management è l'applicazione sistematica di strumenti per ottimizzare tutti gli aspetti di sicurezza nel rispetto dei vincoli di efficienza delle operazioni, tempi e costi per tutte le attività dell'organizzazione aeroportuale. In tale ambito, la stima del rischio è l'applicazione dei metodi qualitativi e/o quantitativi per la determinazione del livello di rischio associato ad uno specifico pericolo.
Con la presente dissertazione, l'allieva ha studiato le possibili "opzioni di controllo" per ogni evento rischioso. Ciò ha richiesto la determinazione della lista delle cause di incidentalità in un qualsiasi airside. A tal fine, si sono preliminarmente acquisiti ed elaborati statisticamente i dati di incidentalità dedotti dai database internazionali per un vasto periodo temporale. Nella seconda parte della tesi si sono analizzati ed applicati diversi strumenti per l'identificazione delle possibili cause di incidenti (matrice delle opzioni di controllo, analisi degli incidenti, procedura "What if", ecc).

__________________________________

Tesista: Salvatore Scuderi

Titolo: Regolamento ENAC e Annex 14 ICAO a confronto. Verifica degli standard dell'aeroporto di Catania-Fontanarossa e proposte di adeguamento

Sommario: Il lavoro svolto nella presente dissertazione affronta una delle problematiche riguardanti la materia aeroportuale: la sicurezza aerea.
A tal riguardo si è analizzato il livello di sicurezza offerto dalle infrastrutture aeroportuali, sia dal punto di vista normativo che da quello tecnico.
Il primo passo per raggiungere tale obiettivo è stato il confronto fra gli standard previsti dal "Regolamento per la costruzione e l'esercizio degli aeroporti" dell'ENAC e quelli dettati dall'"Annex 14" dell'ICAO. Si è poi effettuata una verifica delle caratteristiche fisiche dell'aeroporto di Catania, riportate nella documentazione AIP-Italia, con quanto indicato dalle norme e ci si è soffermati su quegli standard non rispettati che pregiudicano la sicurezza.
Si è infine prospettata una serie di interventi mirati a garantire le condizioni di sicurezza dettati dagli standard contenuti nei Regolamenti.

__________________________________

Tesista: Claudio Sorge

Titolo: Caratteristiche prestazionali delle rotatorie in funzione degli elementi geometrici e dei flussi di traffico

Sommario: La regolamentazione del traffico veicolare e le alternative di controllo attraverso cui essa si può esplicare sono stati gli input di questa tesi.
Seguendo le indicazioni del "Florida Roundabout Guide", si è cercato di sottolineare due aspetti. Il primo, è che la giustificazione di un'intersezione a circolazione rotatoria è un passo fondamentale del progetto (il confronto delle caratteristiche prestazionali delle rotatorie con quelle degli altri sistemi alternativi di controllo è dunque essenziale).
Il secondo, è che la realizzazione della rotatoria è un processo creativo che deve mettere in conto anche le caratteristiche dei luoghi: ecco perché non esiste una rotatoria standard, ma esistono degli standard geometrici minimi, che è necessario garantire.
In tale contesto, grazie al supporto informatico del software Sidra, è stato eseguito un confronto tra la soluzione TWSC e quella a rotatoria, assumendo, come parametro d'analisi, il ritardo valutato in funzione dei flussi veicolari in immissione.

__________________________________

Tesista: Marco Spinelli

Titolo: Nodi intermodali per il trasporto passeggeri: indagine sperimentale sul porto di Catania

Sommario: Nella presente dissertazione si è affrontato il tema dei nodi intermodali per il trasporto passeggeri, intesi come quei luoghi della rete dei trasporti dove si realizza il passaggio da una modalità di trasporto ad un'altra. Particolare attenzione si è posta al processo di riorganizzazione dei principali nodi di trasporto delle grandi aree urbane e metropolitane. In quest'ottica è stato trattato il "caso" del Porto di Catania, oggetto di un importante piano di investimenti che prevede, tra le altre cose, la realizzazione di una vasta area di waterfront e di una stazione marittima per il traffico crocieristico. Attraverso la stesura di un questionario ed il conteggio dei flussi pedonali, è stato possibile raccogliere i dati relativi alla domanda di mobilità attuale e la disponibilità all'utilizzo di modalità di trasporto alternative. Si è, infine, definito il layout esterno della nuova stazione intermodale, pensata sia come moderno terminal intermodale che come polo attrattore nei confronti dell'intera città.

__________________________________

Tesista: Marco Vinciguerra

Titolo: Il porto di Catania: analisi delle attuali condizioni di traffico e simulazione degli scenari futuri mediante modelli analitici

Sommario: Nel corso degli ultimi anni, la città di Catania sta vivendo un periodo di forte rinnovamento urbanistico. Ultimamente si sta cercando di adattare la rete viaria alle nuove esigenze di circolazione, di potenziare il servizio aeroportuale e di migliorare la fisionomia e la funzionalità del Porto.
In tale contesto si inserisce l'obiettivo della presente tesi, ovvero quello di fornire, a seguito di un attento studio del traffico veicolare e commerciale del Porto di Catania, uno strumento affidabile in grado di offrire un valido contributo all'oneroso sforzo dell'Autorità Portuale che, in questi anni, sta cercando di migliorare la condizione "stagnante" del porto.
In particolare, si è voluto valutare il funzionamento del varco doganale, in termini di capacità del sistema servente. Si è pervenuti alla elaborazione di una metodologia di calcolo tramite cui è stato possibile analizzare l'attuale e la futura potenzialità del varco doganale, nonché gli scenari possibili derivanti dalle previsioni di traffico.

STRADELANDIA - Portale di informazione e di servizio per la ricerca nel campo delle infrastrutture di trasporto