TESI DI LAUREA - 2009

Anno: 2009

Tesista:
Giorgio Battaglia

Titolo: Verifiche di sicurezza pedonale in corrispondenza delle intersezioni stradali urbane con il metodo dell’analisi comparativa. Indagini sperimentali presso alcuni Comuni della Sicilia Orientale

Sommario: Dopo aver inizialmente analizzato i riferimenti di letteratura relativi all’analisi di incidentalità stradale, l'allievo ha studiato e rielaborato la tecnica dell'analisi comparativa delle intersezioni stradali dal punto di vista della sicurezza pedonale, messa a punto dai ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università degli Studi di Catania. Tale tecnica permette di dedurre il livello di sicurezza realmente caratteristico delle intersezioni stradali urbane, attraverso il confronto con schemi virtuali rappresentativi dei massimi benefici ottenibili in termini di sicurezza per i pedoni. Infine è stata condotta un’indagine sperimentale presso numerosi incroci urbani appartenenti a differenti realtà della Sicilia Orientale; a tali siti è stata applicata la procedura suddetta e, per essi, si sono proposti interventi risolutivi delle condizioni di pericolosità per i pedoni.

Note: Tesi di laurea di primo livello

______________________________

Tesista:
Salvatore Cafici

Titolo: Problematiche connesse alla sicurezza pedonale secondo la metodologia della Road Safety Analysis (RSA). Indagine sperimentale nel territorio della città di Catania

Sommario: Nella presente dissertazione, l'allievo ha affrontato le problematiche di sicurezza relative ai pedoni in ambito urbano. In particolar modo si è affinata la metodologia dell'analisi di sicurezza, da qualche tempo impiegata ad ampio spettro nell'ambito delle verifiche di funzionalità delle infrastrutture stradali, attraverso l'utilizzo di apposite check list (liste di controllo) elaborate specificatamente per lo studio delle condizioni di sicurezza offerte ai pedoni dai diversi elementi che compongono la geometria complessiva delle reti stradali urbane. La metodologia della Road Safety Analysis (RSA), applicata al contesto urbano della città di Catania, ha permesso infine di caratterizzare il livello di sicurezza di molteplici siti appartenenti al contesto urbano della città di Catania, evidenzianone le difettosità tipiche di marciapiedi, attraversamenti pedonali e fermate di autobus, e proponendo gli interventi mirati a rimuovere tali difettosità e, in ogni caso, a mitigarle.

__________________________________

Tesista:
Elisa Di Mauro

Titolo: Esperienze statunitensi in merito alla sicurezza stradale dei pedoni in corrispondenza delle intersezioni stradali in ambito urbano

Sommario: Il riferimento tecnico utilizzato dall’allieva è costituito dal Manuale elaborato dal TCRP (Transit Cooperative Research Program) e dal NCHRP (National Cooperative Highway Research Program) dal titolo “Improving Pedestrian Safety at Unsignalized Crossing” (2006). Tale manuale propone diverse soluzioni ingegneristiche per il miglioramento della sicurezza pedonale in corrispondenza delle intersezioni non semaforizzate, principalmente nei casi di aree molto trafficate e servite dai mezzi di trasporto pubblico. Nella tesi vengono descritte alcune soluzioni, sia tradizionali (semafori, attraversamenti pedonali, etc.) che innovative (dispositivi luminosi, segnali a messaggio variabile, etc.), utili a migliorare il livello di sicurezza offerto ai pedoni. Lo studio propone anche interessanti risultati di indagini sperimentali che hanno permesso di quantificare la velocità pedonale in diverse condizioni operative, nonchè di caratterizzare il comportamento degli automobilisti in prossimità degli attraversamenti pedonali presenti agli incroci.

__________________________________

Tesista:
Giuseppe Fresta

Titolo: Sicurezza nelle gallerie ferroviarie: Modellazione numerica dei tunnel per la valutazione del rischio d’incendio

Sommario: Il mondo ferroviario, ormai da qualche tempo, sta sfruttando l'opportunità fornita dallo sviluppo di modelli di calcolo sempre più sofisticati, coltivando e sviluppando metodologie innovative per la valutazione delle situazioni potenzialmente rischiose sulle proprie infrastrutture; oggi vengono sviluppate analisi di rischio probabilistiche supportate dall’impiego di molteplici modelli deterministici dedicati all’analisi degli scenari di incendio, grazie ad un approccio ormai consolidato ma in continuo sviluppo ed evoluzione.
Obiettivo principale della tesi di laurea è stato quello di definire completamente e correttamente una metodologia per la valutazione deterministica del danno al ricettore uomo nell’eventualità dell’incendio di un tunnel, attraverso un percorso coerente di studio e sperimentazione concretizzatosi nella “costruzione e validazione di un modello numerico di simulazione dell’incendio e dell’esodo in galleria ferroviaria”.

__________________________________

Tesista: Santi Mirabella

Titolo: Proposta di una metodologia innovativa basata sugli scenari d’incidente per la determinazione degli interventi mirati alla riduzione della pericolosità dei siti stradali

Sommario: In questo studio si è elaborata una metodologia innovativa basata sugli scenari di incidente per la determinazione degli interventi mirati alla riduzione della pericolosità dei siti stradali, ottemperando così alle Direttive della Comunità Europea, che impongono come obiettivo, nel Libro Bianco del 13 settembre 2001, la riduzione della mortalità del 50% entro il 2010. La metodologia proposta è stata testata su un campione vasto e differenziato di incidenti occorsi nel tessuto urbano del comune di Catania negli anni 2007 e 2008.
Tramite la procedura proposta, dunque, è possibile individuare in maniera agevole quei problemi di sicurezza dai quali scaturiscono i maggiori pericoli incidentali per i tronchi e per le intersezioni a raso di qualunque tipo (comprese le rotatorie, spesso trascurate negli analoghi studi di settore). In tal modo si creano i presupposti per la predisposizione dei provvedimenti per la messa in sicurezza degli elementi componenti le reti stradali, quali: adeguamento geometrico, rifacimento degli strati superficiali della sovrastruttura, manutenzione di segnaletica ed illuminazione, interventi di moderazione del traffico, riorganizzazione del traffico veicolare, etc.

__________________________________

Tesista: Francesco Ossino

Titolo: Valutazione della sicurezza delle intersezioni stradali mediante tecniche di analisi statistica. Caso studio: il Comune di Catania

Sommario: Nella presente dissertazione, sono state affrontate le problematiche di sicurezza relative alle intersezioni stradali in ambito urbano, con particolare riferimento alle modalità di previsione dei parameri quantitativi dell’incidentalità. L’obiettivo specifico è consistito nella determinazione dei modelli previsionali d’incidentalità con l’ausilio di tecniche di regressione statistica. Attraverso i modelli lineari generalizzati (GLIM), in particolare, si sono potuti ricavare modelli previsionali dell'incidentalità “ad-hoc” per il Comune di Catania, grazie ai quali è possibile prevedere la frequenza incidentale di una data intersezione in funzione delle effettive "caratteristiche strada-ambiente"; a tal fine si sono utilizzati i dati di incidentalità (acquisiti per l'ultimo biennio di riferimento) e quelli geometrico-funzionali relativi ad un ampio campione di intersezioni stradali urbane. A seguito dell'applicazione dei modelli elaborati si è, infine, effettuata l’analisi di alcuni siti pericolosi, culminata con l'applicazione del metodo del controllo statistico di qualità.

__________________________________

Tesista:
Salvatore Parisi

Titolo: Valutazione delle prestazioni di sicurezza dei tracciati stradali extraurbani mediante indicatori sintetici. proposta di adeguamento della procedura europea del SafetyNet

Sommario: Nella presente dissertazione è stata presa in esame la procedura di valutazione del livello di sicurezza stradale indicata dai ricercatori del progetto europeo SafetyNet mediante l’introduzione degli indicatori di prestazione di sicurezza (S.P.I.). In particolare sono stati esaminati gli S.P.I. relativi al disegno stradale e, per essi, sono stati proposti degli indicatori aggiuntivi che consentissero di adeguare la procedura di valutazione. A supporto delle ipotesi formulate è stata compiuta un’applicazione pratica su una strada delle rete catanese i cui risultati, messi a confronto con la procedura del SafetyNet, hanno evidenziato una migliore valutazione globale della sicurezza stradale nei confronti di specifiche tipologie incidentali.
La metodologia proposta, integrando e non snaturando l’idea che sta alla base della procedura elaborata dal SafetyNet, costituisce quindi uno strumento essenziale per definire, attraverso indicatori sintetici, il grado di sicurezza offerto dai tracciati stradali extraurbani e, nel contempo, per consentire un confronto delle prestazioni di sicurezza degli itinerari stradali a livello di rete.

__________________________________

Tesista:
Alfio Proietto Billorello

Titolo: La tecnica degli scenari di incidente come strumento per l’analisi disaggregata. Applicazione ai nodi ad elevato tasso incidentale del Comune di Tremestieri Etneo (CT)

Sommario: In tale studio, l’allievo ha preliminarmente analizzato il processo di Road Accident Investigation, che fornisce una serie di procedure standardizzate atte a identificare quelle zone del territorio che necessitano di interventi urgenti in materia di sicurezza. Tra gli strumenti per la realizzazione della Road Accident Investigation, ci sono l’analisi aggregata e quella disaggregata degli incidenti. L’analisi disaggregata, in particolare, è quella di maggiore dettagio e può essere espletata a mezzo di tecniche differenti tra cui, quella più innovativa è rappresentata dalla metodologia dell’analisi degli scenari. Uno scenario d’incidente viene comunemente definito come “uno svolgimento prototipale corrispondente ad un gruppo di incidenti che presentano una similitudine d’insieme nel concatenamento degli eventi e delle relazioni causali, all’interno delle diverse fasi che conducono alla collisione”. Nella dissertazione, l’allievo ha analizzato i possibili scenari caratteristici degli ambiti urbani, ha realizzato una organizzazione razionale degli scenari tipici dei nodi stradali ed ha svolto un insieme di applicazioni sulle intersezioni maggiormente critiche del Comune di Tremestieri Etneo.

Note: Tesi di laurea di primo livello

______________________________

Tesista:
Santo Davide Sciacca

Titolo: Il ruolo del fattore umano nel processo di identificazione e percezione delle distanze di visibilità lungo i tracciati stradali

Sommario: Nel presente studio, l’allievo affronta le problematiche inerenti al ruolo del fattore umano nel processo di identificazione e percezione delle distanze di visibilità lungo i tracciati stradali.
Facendo riferimento alle Human Factors Guidelines for Road Systems prodotte dal Transportation Research Board americano, si è evidenziata la dipendenza della distanza di visibilità dalla componente umana per ciò che concerne il tempo di reazione e percezione richiesto per iniziare una manovra ed il tempo necessario per portare a compimento la manovra medesima.
Si sono, infine, analizzati alcuni tracciati stradali esistenti nel contesto territoriale della Sicilia orientale, nei quali risultavano evidenti le difettosità direttamente connesse alla corretta visibilità degli elementi geometrici caratteristici (curve, raccordi verticali, etc.).

__________________________________

Tesista:
Alessandro Scinardo Ratto

Titolo: Road Accident Investigation: Analisi incidentale disaggregata inerente ad alcuni nodi critici presso il Comune di Tremestieri Etneo

Sommario: Nella presente dissertazione, l'allievo ha analizzato in primo luogo le Linee guida per la redazione dei PSSU (Piani della Sicurezza Stradale Urbana) proposte dal Ministero dei Trasporti, con particolare riferimento alla sezione inerente all’analisi disaggregata degli incidenti stradali. Si è quindi studiata la tecnica dei “diagrammi di collisione”, cercando di ottimizzarne le modalità di realizzazione (composizione degli schemi, modalità di rappresentazione delle informazioni, simbologie da adottare, etc.); ciò al fine di agevolare la fase di riconoscimento degli eventi che causano le diverse tipologie di incidenti e, conseguentemente, di facilitare la pianificazione degli interventi migliorativi, atti a garantire un idoneo livello di sicurezza per tutte le categorie di utenti gravanti sugli elementi di una rete stradale, considerando specificatamente le intersezioni stradali in ambito urbano.
L’applicazione della metodologia elaborata è avvenuta su una serie di intersezioni particolarmente pericolose, ubicate nel territorio del Comune di Tremestieri Etneo (CT).

Note: Tesi di laurea di primo livello

______________________________

Tesista:
Paolo Serrentino

Titolo: Analisi delle prestazioni di sicurezza di una intersezione a raso sulla S.P.14 (Comune di Siracusa) e proposta di riqualificazione

Sommario: Nella presente tesi, l'allievo ha affrontato le problematiche di sicurezza di una intersezione stradale situata in ambito extraurbano (sulla S.P. 14, nel Comune di Siracusa). Attraverso la tecnica delle analisi di sicurezza, supportata da rilievi fotografici in sito, sono state evidenzate le possibili cause scatenanti degli incidenti stradali, proponendo, per ciascuna di esse, gli interventi di mitigazione. Tramite l’analisi delle criticità evidenziate e dei dati di incidentalità forniti dalle forze di Polizia, è stata avanzata una proposta di riqualificazione (rotatoria) in grado di ottimizzare le prestazioni di sicurezza del nodo analizzato.
La particolarità dello studio è rappresentata da un’indagine svolta in 3 fasi: 1) studio dell’intersezione nella sua configurazione originaria (intersezione a raso del tipo a doppia T; 2) studio della configurazione riqualificata (rotatoria a 4 rami); proposta progettuale modificata (rotatoria a 4 rami ottimizzata dal punto di vista della sicurezza).

__________________________________

Tesista: Samuele Sicali

Titolo: Le analisi di sicurezza stradali: il caso-studio della SS114 nel tratto stradale compreso tra Cannizzaro e Capomulini in provincia di Catania

Sommario: L’allievo, per lo svolgimento dell’analisi di sicurezza di un tratto stradale extraurbano (S.S. 114 tra Cannizzaro e Capomulini), ha utilizzato un’originale tecnica in cui, ai criteri tradizionali delle Road Safety Review, sono state affiancate le analisi di incidentalità e la metodologia di confronto tra “incidenti reali” ed “incidenti attesi”. Tramite questo approccio integrato, è stato possibile individuare le cause primarie di innesco dei sinistri, e predisporre gli accorgimenti mirati ad abbattere i tassi incidentali, al fine di restituire all’infrastruttura analizzata un livello di sicurezza più che accettabile.
La procedura è stata razionalmente organizzata secondo un iter procedurale, supportato da una serie di schemi logici, da cui è scaturito un modello di report più articolato e funzionale rispetto a quello normalmente impiegato nelle analisi di sicurezza standard.

Note: Tesi di laurea di primo livello

__________________________________

Tesista:
Aldo Stanzù

Titolo: Sicurezza delle intersezioni stradali: importanza degli aspetti connessi alle caratteristiche psico-fisiche degli utenti

Sommario: Nella propria dissertazione, l'allievo si è occupato dei vari problemi inerenti alla sicurezza delle intersezioni stradali, mettendo in conto gli aspetti connessi alle caratteristiche psico-fisiche degli utenti (comportamento agli incroci semaforizzati, approccio alle manovre di svolta, fruibilità da parte dei pedoni, etc.).
In particolare, come supporto scientifico di riferimento per il lavoro svolto, si sono utilizzate le Human Factors Guidelines redatte dal TRB (Transportation Research Board): si tratta di linee guida, utili ai progettisti stradali per l'ottimizzazione dei criteri progettuali relativi a tutti gli elementi di una rete stradale (nodi compresi).
Alcune indagini sperimentali, condotte su diverse intersezioni variamente conformate ed ubicate nei territori dell'ennese e del catanese, hanno consentito di verificare alcune delle problematiche emerse nel corso della trattazione teorica svolta nella prima parte dello studio.

__________________________________

Tesista:
Emanuele Vecchio

Titolo: Verifica delle prestazioni funzionali e di sicurezza delle corsie per l’inversione del senso di percorrenza e delle zone di scambio ad esse associate: casi-studio presso la circonvallazione di Catania

Sommario: L'allievo ha svolto, in prima analisi, uno studio approfondito dei riferimenti tecnico-normativi internazionali relativi al dimensionamento delle corsie di inversione (U-Turn) e delle zone di scambio. Nel primo caso, si sono specificatamente analizzate le indicazioni contenute nel “Green Book” dell’AASHTO. Per la caratterizzazione funzionale delle zone di scambio, invece, si è fatto riferimento alla metodologia dell’Highway Capacity Manual (HCM) ed al criterio di stampo probabilistico elaborato presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Catania.
È stata conseguentemente condotta un’indagine sperimentale su due U-Turn consecutivi, ubicati sulla Circonvallazione di Catania; nell'ambito di tale indagine sono state effettuate le verifiche tramite le metodologie studiate nel corso della prima parte dello studio, e sono emersi i difetti di funzionalità complessiva (anche in termini di sicurezza) attinenti alle due configurazioni studiate. Al termine dello studio, sono stati proposti gli interventi utili a migliorare le prestazioni globalmente offerte dalle corsie di inversione del senso di percorrenza e delle relative zone di scambio.

STRADELANDIA - Portale di informazione e di servizio per la ricerca nel campo delle infrastrutture di trasporto