TESI DI LAUREA - POLI ATTRATTORI

Anno: 1999

Tesista: Cinzia Arcieri

Titolo: Criteri progettuali per le aree di servizio autostradali tramite l'utilizzo di una nuova metodologia di calcolo del livello di funzionalità

Sommario: In questa tesi l'allieva analizza gli standard progettuali e le norme inerenti alle aree di servizio, per poi giungere alla proposta di nuovi criteri progettuali.
In particolare si è fatto riferimento ad un rilievo sperimentale condotto presso due aree di servizio bilaterali situate lungo la Tangenziale Ovest di Catania, nel corso del quale sono stati dedotti alcuni parametri utili a definire i tempi persi dagli utenti durante le "attività" svolte presso le stazioni di servizio (rifornimento, parcheggio, attività secondarie, ecc.).
Sono stati poi introdotti i concetti di capacità e di livello di servizio delle aree di servizio, proprio in funzione dei ritardi accumulati dagli utenti; ciò ha permesso di definire una metodologia di calcolo del livello di funzionalità che, per certi versi, ricalca le procedure analoghe descritte dall'Highway Capacity Manual (1994).
L'applicazione di tale procedura si è "risolta", per il caso in esame, nella proposta di un'area di servizio "unilaterale".

__________________________________

Tesista: Rosario Chisari

Titolo: Analisi critica dell'influenza dei mezzi pesanti sulla qualità della circolazione in base a rilievi sperimentali

Sommario: In questa tesi l'allievo analizza l'influenza dei mezzi pesanti sulla qualità della circolazione stradale.
In particolare, dopo un'attenta analisi della procedura proposta dall'Highway Capacity Manual (1994) per il calcolo del livello di servizio sulle autostrade, è stata verificata la validità della procedura medesima mediante l'applicazione su un tronco stradale appartenente alla Tangenziale Ovest della città di Catania.
In tale contesto è stato eseguito un rilievo sperimentale presso il tronco stradale suddetto e, dalla correlazione tra i risultati teorici e quelli sperimentali, è stato possibile valutare i reali livelli di servizio associati alle condizioni di viabilità palesemente influenzate dalla circolazione dei mezzi pesanti.

__________________________________

Tesista: Vito Magro Zingale

Titolo: Verifica sperimentale dei coefficienti di equivalenza dei veicoli pesanti in leggeri previsti dall'Highway Capacity Manual (94)

Sommario: In questo studio l'allievo propone una rielaborazione dei criteri, proposti dall'Highway Capacity Manual (1994), per la definizione dei coefficienti di equivalenza tra veicoli pesanti e veicoli leggeri.
In particolare si è fatto riferimento ad una duplice analisi: 1) si è strutturata una procedura analitica che, partendo dai dati che descrivono il comportamento dinamico dei mezzi pesanti, ha consentito di valutare l'influenza dei mezzi pesanti sulle condizioni della circolazione in corrispondenza delle livellette "in salita"; 2) si è tarato il modello analitico mettendo in conto i risultati ottenuti a mezzo di un rilievo sperimentale.
La procedura di calcolo così elaborata consente infine di introdurre un coefficiente correttivo variabile in funzione della velocità e della densità veicolare. Risulta quindi ridefinita tutta la procedura di calcolo del livello di servizio delle strade con caratteristiche autostradali.


Anno: 2002

Tesista: Francesca Guido

Titolo: Proposta di una metodologia per la valutazione della sicurezza e della qualità della circolazione della viabilità di accesso alle infrastrutture portuali. Verifica sperimentale sul porto di Catania

Sommario: L'allieva propone una metodologia per valutare il livello di pericolosità e di funzionalità della viabilità di accesso dei grandi attrattori di traffico (nel caso particolare, si sono trattate le infrastrutture portuali). In tale contesto, si è elaborata una procedura originale che, partendo dalla ponderazione dei parametri descritti da "check list", giunge alla definizione di un Indice di Attrattività, adeguato a caratterizzare la funzionalità globale delle strade urbane d'accesso al porto.
La metodologia è stata tarata su un'infrastruttura catanese (il porto); in tale ambito si è valutata l'evoluzione delle caratteristiche prestazionali dei rami e dei nodi di accesso, anche grazie ad un'attenta indagine sui possibili sviluppi futuri del traffico di merci movimentate nell'area portuale studiata.
La procedura proposta rappresenta uno strumento per la scelta degli interventi, sia di riqualificazione che di potenziamento della rete stradale, e per la definizione delle priorità di azione.



Anno: 2003

Tesista: Leonardo Finocchiaro

Titolo: Analisi critica delle aree di servizio autostradali e ipotesi di evoluzioni future

Sommario: Nella presente dissertazione, l'allievo analizza, in primo luogo, il nuovo modello di autostrada "aperta", ovvero interagente con il territorio in modo diffuso. In tale contesto viene approfondito il ruolo delle aree di servizio autostradali come ulteriori punti di contatto con il territorio. In particolare, si è posta l'attenzione sui potenziali sviluppi del settore dei trasporti e della tecnologia telematica applicata e sui nuovi sistemi di autotrazione innovativi e a ridotto impatto ambientale.
Lo studio teorico si è tradotto nella proposta di un'area di servizio integrata avente come peculiarità, tra l'altro, la rimozione delle barriere di esazione del pedaggio e il rapido accesso all'autostrada.
Le soluzioni prospettate hanno trovato applicazione nella proposta di riqualificazione dell'area di servizio "Cascina Gobba Est" sulla Tangenziale Ovest di Milano.



Anno: 2005

Tesista: Antonio Ragazzi

Titolo: Impatto dei grandi centri commerciali sulla viabilità e sulle infrastrutture stradali

Sommario: Nella presente dissertazione si è cercato di valutare come la nascita di un grande centro commerciale, possa integrare correttamente la sua struttura con tutto il sistema infrastrutturale viario della zona limitrofa.
Dopo aver analizzato la Normativa del settore, si è organizzata una campagna di rilievi mirata all'acquisizione dei dati necessari alla formulazione di una metodologia razionale per lo studio dell'impatto sulla viabilità da parte dei grossi centri commerciali. Gli ipermercati oggetto di indagine sono stati quelli ubicati in tre diverse aree (Le Zagare, Auchan di S.G. La Rena, Auchan di Misterbianco).
A conclusione della tesi, si è elaborata una procedura in grado di prevedere, con notevole precisione, il movimento dei veicoli in prossimità di qualsiasi centro commerciale, una volta che questo venga realizzato.

__________________________________

Tesista: Marco Spinelli

Titolo: Nodi intermodali per il trasporto passeggeri: indagine sperimentale sul porto di Catania

Sommario: Nella presente dissertazione si è affrontato il tema dei nodi intermodali per il trasporto passeggeri, intesi come quei luoghi della rete dei trasporti dove si realizza il passaggio da una modalità di trasporto ad un'altra. Particolare attenzione si è posta al processo di riorganizzazione dei principali nodi di trasporto delle grandi aree urbane e metropolitane. In quest'ottica è stato trattato il "caso" del Porto di Catania, oggetto di un importante piano di investimenti che prevede, tra le altre cose, la realizzazione di una vasta area di waterfront e di una stazione marittima per il traffico crocieristico. Attraverso la stesura di un questionario ed il conteggio dei flussi pedonali, è stato possibile raccogliere i dati relativi alla domanda di mobilità attuale e la disponibilità all'utilizzo di modalità di trasporto alternative. Si è, infine, definito il layout esterno della nuova stazione intermodale, pensata sia come moderno terminal intermodale che come polo attrattore nei confronti dell'intera città.

__________________________________

Tesista: Marco Vinciguerra

Titolo: Il porto di Catania: analisi delle attuali condizioni di traffico e simulazione degli scenari futuri mediante modelli analitici

Sommario: Nel corso degli ultimi anni, la città di Catania sta vivendo un periodo di forte rinnovamento urbanistico. Ultimamente si sta cercando di adattare la rete viaria alle nuove esigenze di circolazione, di potenziare il servizio aeroportuale e di migliorare la fisionomia e la funzionalità del Porto.
In tale contesto si inserisce l'obiettivo della presente tesi, ovvero quello di fornire, a seguito di un attento studio del traffico veicolare e commerciale del Porto di Catania, uno strumento affidabile in grado di offrire un valido contributo all'oneroso sforzo dell'Autorità Portuale che, in questi anni, sta cercando di migliorare la condizione "stagnante" del porto.
In particolare, si è voluto valutare il funzionamento del varco doganale, in termini di capacità del sistema servente. Si è pervenuti alla elaborazione di una metodologia di calcolo tramite cui è stato possibile analizzare l'attuale e la futura potenzialità del varco doganale, nonché gli scenari possibili derivanti dalle previsioni di traffico.

STRADELANDIA - Portale di informazione e di servizio per la ricerca nel campo delle infrastrutture di trasporto